Lo specchio del trader - Approccio e coerenza operativa

Aggiornamento: 29 apr

Sembra quasi un quiz che possiamo trovare nei giornali scandalistici o di gossip ma in realtà è il primo passo verso un trading profittevole. Normalmente, chi si approccia al trading online, parte dal presupposto che serva una piattaforma dove operare, aprire un conto, una strategia oppure farsi suggerire da amici bravi le operazioni da mettere a mercato per guadagnare. Nulla di più sbagliato!


Il primo passo è studiare e comprendere che stiamo entrando in un mondo che si basa sulle regole del business e non della scommessa.

Dopodiché è fondamentale verificare l’apprendimento su conti demo ed è a questo punto che la parte soggettiva del nuovo trader prende il sopravvento.



In questa fase, le idee personali unite all’emotività cominciano a mettere i “bastoni fra le ruote” e fanno compiere scelte non dettate dalle informazioni acquisite. Le poche nozioni chiare trasformano, a livelli diversi, un novellino in un trader arrogante che pensa di avere delle opinioni proprie deviando verso operazioni ed azioni non consone e adatte al momento. È chiaro che il business del trading online è ottimo, stimolante, divertente, profittevole ma soprattutto accessibile a tutti: ma non è pet tutti!


Le regole sono fondamentali, le nozioni hanno una sequenza ed una logica, i passaggi non si possono saltare e la pianificazione ed il controllo operativo sono la base dei risultati.


Chi non ha la giusta resilienza e costanza non è adatto a questo mondo, anzi, rischia di avere delle grosse delusioni sia dal lato economico che da quello emotivo.


 

Perché parliamo di coerenza


Una volta appurato che il paragrafo precedente rappresenta le fondamenta dell’atteggiamento mentale da applicare nel mondo del trading online, possiamo parlare di che cosa c’entra la coerenza operativa. Le emozioni possono fare brutti scherzi ad un trader e, comprese e trasformate in alleate quelle pressioni emotive che notoriamente vengono fraintese diventando limitanti, dobbiamo imparare a gestire le altre.


Intendo quelle che derivano dall’utilizzo dei propri risparmi, dalla paura di perdere soldi, la paura di non riuscire ad ottenere risultati e perdere tempo vivendo ogni giorno con il pensiero al “rischio” che stiamo correndo.


Più di una volta abbiamo affrontato questo argomento chiarendo che è importante vivere il trading come business ed imparare a pianificare il denaro investito senza toccare ciò che è necessario per vivere. Ma il problema “coerenza” è ben più profondo ed è legato al reale rapporto che si crea fra il trader ed il trading. Sembra un gioco di parole, ma in realtà sto parlando di quanto una persona e predisposta al rischio imprenditoriale. Questo mondo permette, una volta compreso che si tratta di un vero e proprio business, di scegliere come affrontarlo e tale scelta non dipende, almeno all’inizio, dai risultati che vogliamo raggiungere. L’approccio, inizialmente, deve essere scelto in base a come il trader è mentalmente ed emotivamente.


Se un trader ha una mentalità conservativa avrà delle grosse difficoltà a mettere in atto una strategia aggressiva e subirà un’ansia ogni mattina e rischierà di dormire poco.
Se al contrario un trader ha una mentalità aggressiva, le strategie conservative produrranno delle ansie da attesa che lo allontaneranno dal trading perché non vede risultati o ne vede ma a lungo termine.


Le vere conseguenze però sono altre e ben più gravi, ma le vedremo fra poco.


In sostanza un trader deve imparare ad essere fedele a sé stesso quando intraprende il cammino dentro questo mondo.

Ma soprattutto devono essere sfatati i miti che i trader aggressivi hanno più guadagni o che quelli più conservativi hanno operatività molto lunghe. Ogni trader può trasformare il proprio modo di essere in punto di forza, ma il primo passo è conoscersi ed accettarsi perché il trading non fa ostaggi se viene preso nel modo sbagliato.


 

L’importanza della coerenza


Perché la coerenza operativa è importante? Semplicemente perché, operando in modo non coerente possiamo cadere in queste conseguenze:


  • modificare le strategie in corso d’opera alterando le performance e generando perdite inaspettate

  • non mettere in atto la strategia quando lo richiede o metterla in atto in momenti sbagliati

  • non riuscire ad avere una costanza che porterebbe ad una corretta pianificazione


La coerenza permette quindi di avere molte meno perdite ed è l’aspetto che aiuta il trader a minimizzare le perdite amplificando i profitti.


Questo tipo di approccio permette inoltre di pianificare l’operatività.


Altro aspetto da non sottovalutare è la possibilità di imparare strategie non coerenti alla propria mentalità un passo alla volta con una diversificazione per step. Questo tipo di diversificazione aiuta il trader ad individuare i punti di forza ma soprattutto i punti deboli di approcci molto diversi per imparare a gestirli.


Così facendo le competenze del trader si amplificano e si amplificano anche le capacità di gestire diverse situazioni di mercato.

Il tutto e subito nel trading non esiste! Ogni cosa deve essere pianificata partendo proprio dal nostro modo di essere cercando di sfruttare tutti i lati positivi ed abbattendo i lati negativi imparando nuove nozioni e nuove strategie. Se dovessi dare una definizione di questo mondo lo potrei chiamare veramente “percorso esponenziale”, proprio perché è un percorso nel quale ogni giorno possiamo apprendere qualcosa di nuovo che amplifica i risultati del giorno prima.


L’importante è guardarsi nello specchio e ricordarsi chi siamo senza cercare di essere qualcun altro!
2 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti